Errori armonici #1 Quinte e Ottave parallele ( e nascoste )

Le famigerate quinte ( o ottave ) parallele sono considerate un “errore” armonico perchè tendono ad “impoverire” l’armonia. E’ un errore, quindi, maturato da una ricerca estetica. Ciò, ovviamente, presuppone che se usate consapevolmente esse possano non essere considerate come -errore-.

Ora, mi riferirò solamente alle 5e nascoste/parallele poichè meno evidenti e molto più frequenti delle cugine “ottave” nascoste/parallele… ma tutto ciò che dirò varrà sia per le 5e che per le 8ve.

Premessa: un intervallo di 5a o di 8va tra due voci è consentito solo se raggiunto per moto contrario e, allo stesso tempo, se almeno una delle due voci si muove per grado congiunto.

Le QUINTE NASCOSTE si formano quando due voci ad un intervallo qualsiasi tra loro si muovono per moto retto formando un intervallo di 5a/8va.

Sebbene un intervallo di quinta sia raggiungibile per moto contrario è necessario che almeno una delle due voci si muova per grado congiunto!

Eccezioni:

– Due voci possono raggiungere un intervallo di 5a (GIUSTA!) per moto obliquo se una delle due voce compie un salto e l’altra si muove per grado congiunto; Nel caso le due voci siano Basso e Soprano, la voce che si muove per grado congiunto si deve muovere di un solo semitono ( la fondamentale che giunge dalla sensibile ).

Le QUINTE PARALLELE si formano quando due voci che si trovano ad un intervallo di 5a tra loro muovendosi per qualsiasi tipo di moto vanno a formare un altro intervallo di 5a.

Eccezioni:

– Una sucessione di due 5e è possibile se una dei due intervalli di quinta NON è un intervallo di 5a GIUSTA… ma diminuita… un piccolo dettaglio che spesso trae in inganno!!!

ATTENZIONE

Devono essere evitati intervalli di 5a o 8va su due tempi forti e/o su due tempi deboli consecutivi o si verificherebbero comunque le 5e/8ve parallele!!!